Come Compilare Registro Carico E Scarico Rifiuti

Come Compilare Registro Carico E Scarico Rifiuti come compilare registro carico e scarico rifiuti

Il registro di carico/scarico è un vero e proprio registro di contabilità dei rifiuti e costituisce prova della tracciabilità dei rifiuti, della loro. Le pagine del registro di carico e scarico sono composte da una serie di righe, Per i trasportatori di rifiuti è possibile annotare ogni singolo In questa sezione è possibile riportare eventuali annotazioni aggiuntive come ad esempio: di compilazione del modello A del registro di carico e scarico rifiuti. aprile modelli A e B e la CIRCOLARE 4 agosto , esplicativa sulla compilazione dei registri di carico scarico dei rifiuti e dei formulari di. L'obbligo della tenuta del registro di carico e scarico dei rifiuti previsto è che trasportano i propri rifiuti non pericolosi come attività integrante ed al Sistri) possono delegare la compilazione del registro di carico e scarico. Come espressamente indicato negli articoli , comma 6 e , compilazione dei registri di carico scarico dei rifiuti e dei formulari di.

Nome: come compilare registro carico e scarico rifiuti
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 35.34 MB

La normativa di riferimento è costituita da: - articolo del D. La normativa vigente riporta, per quanto attiene alle operazioni di carico e scarico rifiuti, che chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti, i commercianti e gli intermediari di rifiuti senza detenzione, le imprese e gli enti che effettuano operazioni di recupero e di smaltimento di rifiuti, i Consorzi istituiti per il recupero ed il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti, nonchè le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi e le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all'art.

I suddetti dati devono essere utilizzati per la comunicazione annuale al catasto. Sono esonerati da tale obbligo gli imprenditori agricoli di cui all'art. La circolare di cui sopra fornisce le seguenti precisazioni e chiarimenti operativi in merito alla modalità di tenuta e di compilazione del registro di carico e scarico: il registro di carico e scarico, deve essere completato con i dati relativi alla ditta, alla residenza e al codice fiscale prima della vidimazione.

Per ubicazione dell'esercizio, si intende: la sede dell'impianto di produzione, di stoccaggio, di recupero e di smaltimento di rifiuti o la sede operativa delle imprese che effettuano attività di raccolta e trasporto, intermediazione e commercio di rifiuti; nella prima colonna del registro prima colonna degli allegati A-2 e B-2 al decreto ministeriale n. In questo caso, nel registro dovranno essere indicate le date di inizio e di fine trasporto; nel caso in cui i registri siano tenuti mediante strumenti formatici, il modulo continuo da utilizzare deve essere conforme al modello riportato negli allegati A o B al decreto ministeriale n.

Vediamo ora nel dettaglio come compilare correttamente il Modello A del Registro di Carico e Scarico.

Partiamo da alcune formalità preliminari. Il Registro di Carico e Scarico deve essere numerato, vidimato e gestito con procedure molto simili a quelle dei registri IVA.

La vidimazione deve essere effettuata dalla Camera di Commercio territorialmente competente.

Inoltre i registri devono essere conservati presso ogni unità locale di produzione. Sul Registro vanno annotati tutti i movimenti di carico o scarico dei rifiuti, riferiti ad ogni singolo formulario, che andrà anche allegato.

Per movimento di carico si intende la produzione del rifiuto; per movimento di scarico si intende il conferimento del rifiuto a soggetti terzi autorizzati. Entrambe le operazioni devono essere registrate entro 10 giorni dal loro verificarsi.

Il software RES — Gestione rifiuti è uno di questi. La legge prevede che gli operatori del settore rifiuti assolvano alla compilazione di formulari e registri per i rifiuti e che questi siano prontamente disponibili per la consultazione ai fini dei controlli condotti dagli organi preposti.

Tali obblighi non rappresentano un grande problema fintanto che si parli di un numero limitato di movimenti mensili da gestire.

Ma cosa succede quando il volume di movimenti aumenta e le cose si complicano? In questo caso adottare un sistema informatico semplifica di molto la vita.

Inoltre potenti strumenti di ricerca consentono di avere costantemente il polso della situazione e di reperire gli inserimenti velocemente.