Scarica Reattore Lampada

Scarica Reattore Lampada  reattore lampada

Era pubblicizzata come una sodio ad alta pressione. Mi è arrivato un reattore per una HPS (sodio) da W, ma la lampada è una HPL da Il reattore e l'accenditore sono indispensabili per l'accensione di lampade a scarica di tipo ioduri metallici o lampade al sodio alta pressione. Per lampade a vapori. Scopri un'ampia gamma di reattori per lampade a scarica dei marchi più alti. Approfitta di: | Prezzi bassi | Spedizione rapida | Garanzia estesa |. Shortcode "Single Product Page Title". Please view Product after assigning Custom Template. Alimentatori Elettromeccanici per Lampade al Sodio Alta. La maggior parte delle lampade a scarica richiedono un alimentatore per l'​accensione e la limitazione della corrente. Further information on the OSRAM website.

Nome: reattore lampada
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 26.78 Megabytes

September 8, Tanto per sfizio ho aperto uno starter o lampada ad effluvi grazie Remo e devo dire che il contatto è aperto. Voglio essere più chiaro: La tensione di rete a volt non è sufficiente per innescare a freddo la scarica, per cui occorrono circuiti ausiliari che intervengano all'accensione. Per questo gli elettrodi dei tubi sono spesso costituiti da un filamento con le due estremità riportate su contatti elettrici esterni.

Un dispositivo, lo starter, alimenta i filamenti per breve tempo fino all'innesco della scarica. I filamenti incandescenti emmetono elettroni avviando la ionizzazione del gas.

Sodio ad altissima pressione SDW [ modifica modifica wikitesto ] Il funzionamento di questo tipo di lampada è comparabile con quello delle lampade SON, ma differisce la pressione interna del gas: aumentando la pressione lo spettro di emissione si arricchisce di linee spettrali, rendendo questa lampada una valida alternativa alle comuni lampade ad alogenuri metallici in ambienti dove il rischio di contaminazione in seguito a esplosione deve essere evitato.

Lo stesso argomento in dettaglio: Lampada ad alogenuri metallici. La loro resa cromatica le rende particolarmente adatte all'illuminazione di impianti sportivi o nei videoproiettori digitali, dov'è necessario avere un'alta resa dei colori.

Sono adatte per illuminare aree commerciali o pedonali, zone residenziali, strade, monumenti, grandi superfici esterne.

Menu di navigazione

A livello di inquinamento luminoso sono peggiorative rispetto alle lampade al sodio alta pressione data la ricchezza dello spettro luminoso di emissione ma in termini di comfort visivo e gradevolezza della luce emessa sono preferibili in tutte quelle applicazioni ove sia necessario offrire un'illuminazione di alta qualità. Vapori di mercurio a bassa pressione[ modifica modifica wikitesto ] Lo stesso argomento in dettaglio: Lampada fluorescente.

La luce emessa è ionizzante e dannosa per esposizione diretta. Vengono usate per sterilizzare ambienti e oggetti.

Se l'interno del tubo viene rivestito con materiale fluorescente in grado di assorbire l'energia ultravioletta e riemettere nello spettro visibile, si ottiene la lampada fluorescente.

In caso di interruzione dell'alimentazione, la lampada non necessita di un ciclo di raffreddamento. Le lampade sostitutive solitamente al sodio per quelle al mercurio ad alta pressione, come già detto, devono essere dotate di un dispositivo di accensione interno dato che gli apparecchi costruiti per lampade al mercurio non lo possiedono, infatti le lampade al mercurio funzionano alla tensione di rete mentre quelle sostitutive che siano sodio o alogenuri metallici necessitano di un picco di tensione per innescare la scarica nel gas.

La presenza di un terzo elettrodo all'interno del tubo consente l'accensione della lampadina senza la necessità di utilizzare accenditori. Esso, affiancato a uno dei due elettrodi principali, è connesso tramite un resistore al polo opposto dell'elettrodo vicino: questo consente la generazione di una debole scarica che, ionizzando il gas, consente la formazione di un arco elettrico tra i due elettrodi principali.

Reattori per Lampade a Scarica

Essa ha come effetto la messa al bando delle lampade al mercurio ad alta pressione dal territorio europeo. Vengono usate principalmente per illuminare sistemi di proiezione in ragione della loro alta efficienza e compattezza.

A luce miscelata[ modifica modifica wikitesto ] Si tratta di lampade ai vapori di mercurio ad alta pressione in cui il reattore di alimentazione è sostituito da un filamento di tungsteno, che funge da limitatore di corrente, collocato assieme al tubo di scarica all'interno dell'involucro esterno della lampada.

Durante il funzionamento, il filamento di tungsteno diventa incandescente ed emette luce come in una lampada a incandescenza , che miscelata con quella prodotta dal mercurio, una volta che quest'ultimo è evaporato, offre una tonalità più naturale.

Alimentatori

La durata di queste lampade è intorno a ore. La soluzione più economica e semplice per il loro rimpiazzo è l'uso di lampade alogene di pari potenza o maggiore e un variatore di potenza per l'utilizzo a potenza ridotta pratica comunemente utilizzata. Spettri di emissione[ modifica modifica wikitesto ] Alcuni modelli particolari di lampade a scarica lampadine al neon, bulbi allo xeno, laser elio-neon e lampade spettrali da laboratorio non utilizzano la stessa tecnologia delle lampade a scarica comuni, qui è riportata una tabella che mette in evidenza le varie tipologie.

Oltre agli alimentatori induttivi convenzionali, per limitare la corrente della lampada sono disponibili gli alimentatori elettronici, in particolare nelle applicazioni di illuminazione per interni. L'alimentatore elettronico si incarica anche di accendere la lampada. Grazie al loro metodo di funzionamento, offrono un notevole vantaggio rispetto agli alimentatori convenzionali. Tra i vantaggi principali si possono citare la semplicità di gestione, il minore consumo di energia, l'influenza positiva sulla vita utile della lampada e sulla qualità della luce e la disinserzione sicura e controllata della lampada al termine della sua vita utile.

Descrizione

Dal momento che questo genere di emissione, a meno di non usare gas ad alta pressione, è monocromatica o quanto meno costituita da poche righe di emissione , si usa ricoprire le superfici interne del tubo con un materiale fluorescente da cui il nome alla lampada. Tipicamente una lampada di questo genere funziona con tensioni continue che possono andare da qualche decina a qualche centinaio di volt e con correnti solitamente abbastanza basse da qualche decina di mA a circa 1A.

La loro potenza tipica va dai 10 ai W.